31
gennaio 2016

PREGIUDIZI E VANTAGGI DEL MANCINISMO

ovvero: come dopo un lungo percorso si sia arrivati a comprendere che anche i dritti possano essere mancini
Posted by il 31 gennaio 2016

Nei post precedenti di questo special dedicato al Mancinismo ho già inquadrato il fenomeno raccontando dapprima la storia del Mancinismo, poi accennando ai test per valutare il Mancinismo e poi ancora spiegando quali potrebbero essere l’origine e le cause del Mancinismo. Per continuare a esplorare questo complesso argomento, un’altra area interessante che merita di essere affrontata in questo post è quella che riguarda i suoi aspetti sociologici e quelli più pratici legati agli svantaggi ed ai vantaggi che il Mancinismo comporta nella vita quotidiana.

Hands shadows theater by Suzanne Andrade e Paul Barritt - Carefully selected by Gorgonia www.gorgonia.it

“Les animaux et les enfants envahirent la rue”, S.Andrade e P.Barritt. Photo credits: Christophe Raynaud de Lage

PREGIUDIZI SUL MANCINISMO

La cattiva fama di cui ha sofferto il Mancinismo, fino a poco tempo fa, traspare già nella scelta della parola con cui viene indicato: infatti, l’etimologia del termine mancino – mancus in latino significa “storpio”, “minorato”, “mutilato”, “che ha una mano sola” – nasconde un’idea distorta negativamente a sfavore di tutti coloro che non sono destrimani. Il termine “sinistro” ha mantenuto anche nella lingua italiana un’accezione negativa, in quanto equivale ad “avverso”, “maligno”, “infausto”, “funesto”.
Fino a tempi non lontani, mentre tanti genitori si adoperavano a contrastare e correggere il Mancinismo dei figli, persino certi intellettuali – in ossequio a una sorta di “razzismo pseudo-scientifico” che li rendeva prevenuti – hanno ricercato instancabilmente prove che documentassero l’inferiorità mentale, oltre che comportamentale, dei soggetti mancini, al punto che addirittura, in un trattato di Psichiatria della prima metà del Secolo scorso, si ipotizzava che il Mancinismo predisponesse alla “demenza precoce” (schizofrenia).

Hands shadows by Rosie Hardy  - Carefully selected by Gorgonia www.gorgonia.it

“Why me”, Rosie Hardy

RIVALUTAZIONE SOCIOCULTURALE DEL MANCINISMO

E’ stato negli ultimi decenni del Novecento che i mancini, riunitisi in gruppi sempre più ampi e strutturati, come Left-Handers International, hanno rivendicato la propria normalità e il diritto di usare senza imbarazzo la cosiddetta “mano del diavolo”. Oggi esistono non solo club, associazioni e siti internet dedicati ai mancini, ma anche negozi che offrono oggetti di uso comune progettati appositamente per chi presenta questa lateralizzazione. Questa reazione dell’”orgoglio mancino” (di cui il 13 agosto di ogni anno si celebra la Giornata Mondiale, il Left-Handers Day) assieme a un più lungimirante approccio scientifico-sperimentale ai fenomeni e ai problemi, ha indubbiamente contribuito a invertire l’atteggiamento verso il Mancinismo, che oggi, anziché difetto da correggere, viene considerato quasi un marchio di originalità, almeno in peculiari campi; così come sono sempre più numerosi i personaggi pubblici che ostentano con orgoglio il fatto di essere mancini (da Bob Dylan a Whoopi Goldberg, da Fidel Castro a Bill Clinton) e quelli storici di cui si riscopre il mancinismo (da Ludwig van Beethoven a Michelangelo Buonarroti, da Pablo Picasso a Charlie Chaplin, da Leonardo da Vinci ad Albert Einstein).

Hands shadows by Czech set designer Josef Svoboda - Carefully selected by Gorgonia www.gorgonia.it

Scenografia di Josef Svoboda

VANTAGGI DEL MANCINISMO

Il cervello dei mancini, nel quale la dominanza si è trasferita all’emisfero cerebrale destro, non è la copia di quello dei destrimani con le facoltà neuro-psichiche semplicemente invertite: la situazione funzionale, infatti, risulta più complessa, in ordine ai differenti compiti mentali svolti dai due emisferi cerebrali (nell’emisfero sinistro hanno sede il linguaggio, le attività logiche e la cognitività analitica, mentre nell’emisfero destro hanno sede le abilità visuo-spaziali, l’immaginazione e la cognitività sintetica). Solo in un certo numero di casi, il linguaggio passa a destra assieme alla dominanza manuale (che rispetta l‘incrocio neurologico, per cui ogni emicorpo è governato dall’emisfero controlaterale), mentre tutte le altre funzioni simboliche mantengono la propria collocazione emisferica naturale.
Poiché nei mancini tutte le attività motorie coordinate volontarie sono governate dall’emisfero destro, essi tendono ad eccellere in molti sport, soprattutto in quelli che utilizzano un solo arto, come scherma, tennis, squash, etc.. Uno studio storico sul Mancinismo di alcuni anni fa sostiene che, in passato, i mancini erano apprezzati come guerrieri, in quanto più frequentemente vincitori nei combattimenti corpo a corpo con gli avversari destrimani.

Hands shadows theater by Vahan Badalyan - Carefully selected by Gorgonia www.gorgonia.it

“Ophelia’s Shadow theater”, Vahan Badalyan

Il connotato psico-comportamentale che più spesso viene considerato tipico dei mancini è una certa genialità ideativo-pragmatica, espressa da una spiccata capacità intuitiva e soprattutto da una indubbia inventività, dovuta all’impiego di percorsi mentali tanto originali quanto efficaci. Per questo tanti mancini offrono prestazioni eccellenti nelle professioni creative in senso lato, come la musica, le arti figurative, la ricerca fisico-matematica… etc.. E’ stato detto anche che il Mancinismo facilita la socializzazione e le relazioni amorose, ma credo che questa sia una esagerazione… se non una fandonia 🙂
Alcune ricerche indicano che i mancini siano dotati di ottima memoria e spiccata capacità oratoria (presumibilmente dovute alla migliore connessione interemisferica offerta dal corpo calloso), di vivaci e prontissimi riflessi nervosi, di una intelligenza particolarmente fluida e di una peculiare predisposizione a risolvere i problemi; mentre altri sembrano aver individuato una correlazione persino con la capacità di reddito, arrivando in alcuni casi a verificare che in alcune aree del mondo i mancini siano mediamente più ricchi dei destrimani.

Hands shadows theater by French choreographer Philippe Decoufle  - Carefully selected by Gorgonia www.gorgonia.it

“Panorama”, Philippe Decoufle. Photo credits: Thomas Bregardis

Lo special dedicato al Mancinismo di cui fa parte questo post consta di altre tre parti che ne affrontano altrettanti aspetti differenti:

Alberto Catalano

Alberto Catalano

Alberto Catalano, laureato in Medicina e Chirurgia, specializzato in Clinica delle Malattie Nervose e Mentali presso l’Università di Parma. Dopo molti anni di esperienza clinica come Primario ospedaliero, dal 1983 si è dedicato alla professione di Psicoterapeuta Cognitivo-Comportamentale e poi all’insegnamento della Psichiatria all’ASCCO (Accademia di Scienze Comportamentali e Cognitive di Parma). Oggi si dedica allo studio della Paleo-antropologia e alla pratica amatoriale dell’Archeologia Preistorica.

One Response to “PREGIUDIZI E VANTAGGI DEL MANCINISMO”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *